31 maggio 2006

Berlusco***one

Manifesto apparso per le strade della Capitale (grazie a Federico per la segnalazione):

3 commenti:

Daniele ha detto...

Ue', ti ho risposto da Peppe. Ciao.

Paolo il domandatore ha detto...

Concordo, e' un coglione,
ma in Italia ce n'e' piu' di uno.
Sono sessanta milioni di coglioni in patria e sessanta milioni di coglioni emigrati all'estero. Si salvano forse solo le nonne, ma gia' le mamme sono contaminate dalla follia omicida dei bastoncini Findus e dei cibi surgelati in generale.
Dov'e' la pasta al forno?
Dove solo le lunghe passeggiate ai piedi delle montagne alla ricerca dell'acqua e dell'orgoglio mattutino (?). Dove sono le poppe, quelle di una volta, grosse, appese e con funzione sciarpeggiante?
Dove sono le MS, le Nazionali senza filtro?, il Toscano?, le paste fresche la domenica mattina? Dove sono i pornacci a fumetti? Dov'e' il pane? Dov'e' il pallone? Dove sono i bambini?
Ma soprattutto che fine ha fatto la parte piu' erotica delle donne italiane... che fine hanno fatto i peli sotto le ascelle delle donne italiane con odori e funzioni infartuali durante l'eiaculazioni?

Vaffanculo alla moda!

Paolo

Katia ha detto...

Grandissimo...Mi associo appieno al manifesto...ma ricordo...Attenti alle teste di cazzo!!!